Prevenzione

dentista interventoL’igienista dentale riveste un ruolo fondamentale nel motivare e nell’istruire i pazienti ad un corretto comportamento nei riguardi sia della prevenzione della malattia parodontale che nel mantenimento della salute orale dopo terapia eziologica.

Ha inoltre il compito di mantenere nel tempo attraverso la terapia parodontale di supporto i risultati raggiunti, adottando le strategie ottimali in base al grado di motivazione e alle capacità di ogni singolo paziente.

Per prevenire molto importante sarà effettuare un'adeguata comunicazione che si fonda sull’informazione, istruzione, educazione e motivazione del paziente. La prevenzione si esplica su tre diversi fronti: prevenzione primaria, secondaria e terziaria.

prevenzione-3 thumbLa prevenzione primaria previene l’insorgenza della malattia per mantenere lo stato di salute.  

Agisce sulle cause responsabili attraverso le istruzioni di igiene orale e igiene orale professionale, detartrasi, sigillature, fluoroprofilassi e controlli periodici. Lo scopo principale della fluoroprofilassi è quello di ridurre il rischio di carie in pazienti cariorecettivi, può essere effettuata a qualsiasi età ed ha come obbiettivo la remineralizzazione dello smalto l’inibizione della crescita batterica e della produzione di acidi. Consiste nell’utilizzazione di gel che vengono applicati con mascherine monouso, il tempo di applicazione del trattamento in gel deve essere di circa 4 muniti e la frequenza di trattamento ottimale deve essere semestrale.

La prevenzione secondaria è atta ad intercettare precocemente il danno tanto da renderlo reversibile, mediante terapia causale meccanica: ablazione tartaro, levigatura radicolare.

La gengivite è una patologia infiammatoria dei tessuti molli di sostegno dei denti (gengiva marginale); si manifesta con arrossamento del margine gengivale, edema, sanguinamento spontaneo e\o al sondaggio, ipertrofia gengivale; riconosce un’eziologia multifattoriale. Se trattata è completamente reversibile.

prevenzione-4 thumbLa prevenzione terziaria consiste in interventi terapeutici mirati a limitare il danno. Agisce sulle complicanze e previene la rapida progressione della malattia attraverso la stretta collaborazione tra Igienista Dentale e Odontoiatra che devono approntare un piano di trattamento ben preciso, programmato in considerazione della gravità della malattia parodontale, della compliance e delle esigenze di ogni singolo paziente.

Per scegliere il protocollo operativo più adeguato, è indispensabile redigere una dettagliata anamnesi e svolgere un accurato esame obiettivo che preveda il rilevamento e l’annotazione degli indici parodontali di placca (I.P.) e sanguinamento (I.S.), un sondaggio parodontale completo.

La compilazione della cartella clinica parodontale comprende: anamnesi generale, anamnesi parodontale, anamnesi preventodontica, esame obiettivo, rilevamento indice di placca e di sanguinamento, sondaggio parodontale, status radiografico, fotografie.

prevenzione dr enrico cataneoLo scaling e/o le levigature radicolari possono essere pianificate, a seconda del protocollo che si prevede di eseguire, in un numero variabile di sedute: strumentazioni per emiarcate con 4 appuntamenti a cadenza massimo di due settimane di 1 ora oppure per arcate.

L’obiettivo principale è sempre quello di ridurre la profondità di sondaggio, guadagnare attacco clinico, eliminare l’edema, l’iperemia e il sanguinamento.

oraqixQualora la soglia del dolore del singolo paziente fosse molto bassa o semplicemente per rendere la seduta di igiene meno dolorosa, utilizziamo l’anestesia parodontale, anestesia liquida che diventa gel alla temperatura corporea utile per procedure di scaling, rootplaning, veicolando il gel semplicemente intorno al dente, nella tasca parodontale senza ago.

Lo status radiografico consiste nello studio sistematico di tutta la dentatura con una serie completa di radiogrammi endorali. Il vantaggio consiste nel maggior dettaglio di ciascuna componente anatomica osservata. Trova la sua principale applicazione nel bilancio della malattia parodontale dell’adulto e nel controllo a distanza dei suoi trattamenti.

prevenzione dr enrico cataneoIl sondaggio si effettua per esaminare la profondità del solco gengivale ed è da eseguirsi con apposita sonda parodontale.

Tale strumento ha la funzione di rilevare la presenza di tasche parodontali e misurarne la profondità. Ogni rilevamento viene riportato nel grafico della cartella parodontale.

La parodontite è caratterizzata dalla distruzione dell’apparato di supporto dei denti; clinicamente si manifesta con perdita di attacco e di osso, formazione di tasche parodontali. La distruzione dei tessuti di sostegno dei denti causata da una parodontite è irreversibile. Questo processo patogeno è diverso per estensione e gravità da individuo ad individuo ed all’interno dello stesso individuo.