Implantologia

implantologiaUn impianto è per sempre…

Dalla sostituzione del singolo elemento mancante alla riabilitazione complessa ogni caso può essere finalizzato secondo le sistematiche implantari più indicate e i protocolli più attuali, incontrando e soddisfacendo ogni richiesta e aspettativa. Certamente anche le vostre!!!

implantologia 1L'implantologia è una branca dell’odontoiatria che si preoccupa sostanzialmente della sostituzione di elementi dentari mancanti per qualsivoglia patologia tramite l’inserimento, chirurgico, nell’osso mandibolare o mascellare di strutture biocompatibili (impianti), in titanio di varia forma e superficie. Queste saranno le “radici artificiali” capaci di supportare la nuova dentatura.

Questa disciplina ha avuto nel corso degli anni notevole sviluppo, certamente però è possibile affermare che al giorno d’oggi, grazie alla continua ricerca scientifica, ha raggiunto un livello di affidabilità elevatissimo.


Uno o più o anche tutti i denti mancanti possono ricomparire con la tecnica implantologica più appropriata per ogni specifico caso. Ogni “situazione orale” infatti ha le sue particolari basi di partenza e relative richieste e aspettative e deve essere considerata sotto ogni suo aspetto.

implantologia 2Posizionare un impianto al posto di un elemento estratto da poco tempo nell’osso mandibolare, quando questo è abbondante in altezza e spessore, è diverso che riuscire a riabilitare settori, come ad esempio i quadranti latero-posteriori, quando gli elementi sono assenti da molto tempo e buona parte o tutto l’osso alveolare è andato riassorbito. Allo stesso modo nei settori frontali ad altissima valenza estetica, una cosa è sostituire un incisivo con un dente su impianto, perchè questo possa ancora semplicemente “incidere”, altra cosa è farlo senza che si vedano differenze con la forma e il colore dei denti vicini e delle adiacenti gengive.

Il Dr. Enrico Cataneo da molti anni dedica prevalentemente la sua attività professionale alla chirurgia implantare e alla protesi su impianti, e quando le condizioni cliniche del paziente lo permettono esegue un unico intervento con il posizionamento immediato della protesi provvisoria avvitata agli stessi (carico immediato).